Martedì, 27 Marzo 2018 15:05

Alessandra Schettino: un'alunna capace di trasformare il suo sogno in realtà!

Scritto da

Alessandra Schettino, una ragazza simpatica e solare di 16 anni che si è formata nella nostra scuola secondaria

sta proseguendo il suo percorso con impegno “perché il mio sogno è diventare scrittrice”come disse motivando la sua scelta in occasione delle iscrizioni alle scuole superiori. Alunna modello in tutte le discipline si è particolarmente distinta nel PON del Giornalino e nell’ Esame di Stato terminando con il massimo della valutazione un prosperoso triennio e vincendo la borsa di studio che la nostra scuola offre ogni anno agli alunni particolarmente meritevoli. Ebbene un primo obiettivo lo ha raggiunto : ha pubblicato il suo primo libro:“Love is love”, collana “Gli emersi – Narrativa”,  editore Aletti. Abbiamo deciso, di fare una amichevole chiaccherata con lei per capire meglio di cosa si parla nel libro. Alessandra definisce "Love is Love" come "una raccolta di storie che hanno tutte come filo conduttore l’amore, espresso in alcune delle sue infinite forme (l’amore romantico, ma anche quello familiare, tra amici etc.)". Ci dice inoltre che, nonostante non si tratti di un libro per ragazzi,  "pensa sia un libro adatto a qualsiasi persona matura che voglia spendere qualche ora del suo tempo a ragionare attivamente su un sentimento, così soggettivo e discusso nel tempo, come l’amore. Leggerlo forse potrebbe aiutare qualcuno che venga a trovarsi nelle stesse situazioni dei personaggi descritti nella raccolta...." Per lei è stata sicuramente un'occasione per iniziare a far parte di un mondo, quello della scrittura, che l'appassiona da sempre. L'occasione di scrivere questo libro le ha permesso di capire che "tutto quello che stavo facendo, tutti i miei sforzi, tutto ciò che imparavo era, ed è ancora, per me, non per il voto a fine quadrimestre o per fare buona impressione sui professori. La scuola ci aiuta a formarci in quanto persone, ci prepara a quella che sarà la vita là fuori, dove se sbagli non sempre puoi correggere l’errore la volta successiva, come se niente fosse; dove nessuno ti dice cosa fare, tracciandoti una strada da seguire, ma dove devi scegliere da solo da che parte andare. La scuola ci dona le basi per decidere che tipo di persona vogliamo essere: una che si arrende, che è spettatrice passiva della propria vita, o una che si mette in gioco e vede in ogni avversità una occasione per migliorarsi?"Nel corso di questa chiaccherata Alessandra ha voluto dare un segnale forte di motivazione ai nostri alunni a credere nel proprio talento, qualunque esso sia, e di coltivarlo con la formazione che solo la scuola può offrire attraverso la cultura e l’impegno e fornendo una risposta ad una domanda ricorrente degli alunni...A che serve studiare? “Cari alunni, quando vi chiederete perché studiare e se ne vale la pena, ricordatevi che se riuscirete ad impegnarvi nella scuola vivendola con gioia,  al massimo delle vostre capacità e tutelando prima di tutto voi stessi e i vostri obiettivi,  vedrete che siete diretti al sicuro successo e non vi ferma più nessuno.”

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Maggio 2018 19:59
Joomla templates by a4joomla